Cos’è Timengine

Descrizione del prodotto e del servizio connesso

Costituito da un sistema HW e SW di rilevazione di attività manifatturiere capace di analizzare e quantificare l’attività reale prodotta sull’oggetto lavorato, rilevando con precisione l’azione prodotta nel tempo sull’oggetto.

La sua peculiarità consiste nel riuscire a “vedere” ed “analizzare” l’azione umana / macchina in modo estremamente semplice, preciso, scalabile e versatile

Permette quindi di sintetizzare in tempo reale e preciso informazioni basilari per l’attività manifatturiera: rendimenti di produzione, tempi, fasi di lavoro, anomalie di sequenza operativa ecc. ecc.

L’utilizzo di sistemi di analisi automatica ha dimostrato sul campo un valore aggiunto importante e non replicabile (*).

Il sistema si propone come un’evoluzione nel mondo dell’analisi di produzione manifatturiera, per “pilotare” l’efficienza e la qualità produttiva in assenza di architetture di analisi complesse: la peculiarità del sistema in oggetto è proprio la semplicità di utilizzo e di implementazione, ed il costo di utilizzo irrisorio.

(*) Casi reali in ambito Automotive riparazione con periodo di osservazione superiore ai 24 mesi.

 

Principali funzionalità e caratteristiche (sia HW che SW)

Il sistema si basa su un dispositivo elettronico con un sensore accelerometrico a 3 assi, collegato in remoto ad un software che elabora la telemetria inviata dal dispositivo, quantificando e qualificando l’azione che l’ha prodotta, attraverso la classificazione di pattern.

Grazie all’elevata “sensibilità” del dispositivo HW (millisecondi e centesimi di g), esso è adatto per analisi di livello superiore, come ad esempio il riconoscimento delle forme d’onda attraverso algoritmi di A.I.

Il grado di accuratezza è tarabile in funzione delle necessità.

Il sistema si presta ad innumerevoli configurazioni: singole, multiple, parallele (i.e. per analizzare contemporaneamente l’attività di più postazioni).

Grazie alla dimensione estremamente ridotta del dispositivo, esso può essere applicato su molteplici tipi di “target”: ad esempio, inserito nel segnaposto numerico della vettura in riparazione, applicato magneticamente sul supporto di modellazione dell’orefice, etc.

il “lavorato” può quindi essere di ogni tipo: una vettura in riparazione, un gioiello, una barca in fase di laminazione…così come un prodotto sottoposto a più stazioni di lavoro “umano” e meccanizzato.

 

Si applica quindi in ogni ambiente di lavorazione industriale e artigianale che preveda una componente di azione umana: tornitori, fresatori, orefici, modellatori, meccanici, riparatori…

 

Use-Case: rilevazione produttività in ambito riparazione Automotive

Un rilevatore è posto sull’oggetto da lavorare attraverso il metodo più appropriato; in questo caso magnetico solidale alla carrozzeria della vettura.

Il Software di analisi viene settato per le specifiche necessità nella rilevazione di una riparazione auto: diverse “soglie” di attività sono settabili per rilevare la tipologia di attività svolta (es: sollevamento ponte o motore in moto); si tratta di soglie dedicate che possono essere presettate.

Quando la lavorazione viene assegnata ed il Tecnico inizia la lavorazione della vettura, in SW inizia la propria attività di analisi dati (se interfacciato contestualmente al DMS).

 

La lavorazione comporta una serie di attività specifiche quali l’accensione della vettura, la salita e discesa dal ponte, lo smontaggio di parti della vettura ecc.

Il rilevatore raccoglie in tempo reale il feedback dell’azione prodotta dall’operatore. La campionatura viene inviata in remoto ad un sistema di analisi che quantifica e qualifica l’azione prodotta.

Quando l’attività sulla vettura viene a mancare da parte dell’operatore, l’assenza di vibrazioni è interpretata come inattività e mostrata in tempo reale dal software.

Nell’esempio video (visibile qui) il dettaglio dell’attività rilevata nella fase di smontaggio di una ruota

Al termine del ciclo di lavorazione è possibile realizzare analisi approfondite sulla quantità, collocazione temporale e durate delle fasi di inattività, al fine di migliorate i processi stessi.

 

 

 

 

 

NB: La rappresentazione grafica a barra riprende quella adottata dai DMS attualmente sul Mercato Automotive.

 

DMS AUTOMOTIVE:

 

Si noti che la rilevazione da DMS può solo raccogliere il tempo di inizio / fine ed il confronto tra il tempo impiegato e quello di riferimento. Un confronto con esempi di possibili analisi produce quindi:

 

Possibili implementazioni future

A seconda del campo di applicazione possono essere valutate diverse implementazioni, che possiamo schematizzare su 3 livelli diversi, in funzione della realtà produttiva:

 

  1. App/IOT e smartphone: una soluzione molto semplice per applicazioni “artigianali” la cui priorità sia l’immediatezza, facilità e bassissimo costo di implementazione ed utilizzo.

 

  1. Lo step successivo in realtà artigianali prevede l’integrazione con il sistema di gestione della produzione.

In Automotive l’integrazione con il DMS e con un opportuno sistema di analisi (desktop) costituisce la soluzione ideale per il pilotaggio dell’efficienza produttiva in chiave moderna: un approccio che ha dimostrato efficacia di un ordine di grandezza superiore rispetto agli standard operativi classici (casi reali).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close